[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
 Tutti i Forum
 03 - Le Alfa storiche
 Alfetta, Alfetta GT/GTV, Giulietta, Alfa 6
 le alfetta gtv -TUTTI I MODELLI-

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale Inserisci linkInserisci EmailInserisci FlashInserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

   Allega file
  Clicca qui per inserire la tua firma nel messaggio.
   

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
starfighter Inserito il - 16/01/2011 : 14:00:22
sono molte le versioni delle ALFETTE GTV e sono state fatte in svariati modelli......e sarà l'ultima coupè
alfaromeo a trazione posteriore



----GT 1.8 1974-1975 -122CV------------------------------------------
particolarità il contagiri a corda; i pannelli degli sportelli
sono in unico stampo; i sedili sono in pelle o in tessuto e pelle
l'asta del controllo dell'olio sta sotto i carburatori, il serbatoio dell'acqua lavavetri è a sacca; i vetri sono
trasparenti senza colore ed incollati solo su richiesta sono azzurrati,i fanali hanno il bordino cromato,
e il volante è in legno














----GT 1.8 1976 -118CV-----------------------------------------------
è come la precedente cambia solo la potenza e il volante sia in legno che in pelle





----ALFETTA GT 1.6 1976-1978 108Cv-------

Allestimento come per Alfetta GT1.8
Questa nuova cilindrata sostiturá la 1.8
Che è rimasta in produzione per 2 anni


Immagine:

198,86 KB

Immagine:

311,19 KB

Immagine:

252,44 KB



----ALFETTA GTV 2000 1976-1977 122cv---------------------------------
qeste alfette hanno molto in comune con le gt 1.8 ,
gli interni, il tappo della benzina a sportellino,
i vetri incollati, l'asta dell'olio sotto i carburatori,
alcune hanno la mascherina a quadri mentre altre le hanno
a lame orizzontali con i due baffi cromati ,
su alcune cambiano le frecce anteriori che sono bianche; quelle arancioni,vennero poi sostituite per la nuova omologazione prevista dal codice della strada come anche lo specchietto lato guidatore obbligatorio.....
i fanali posteriori non hanno i bordini cromati ma sono
semplici,non ha le quattro frecce simultanee,il cruscotto con
inserti in legno; il copri tunnel corto,
i rostri sui paraurti, la scritta gtv sui pannelli laterali,
e il volante è in pelle su tutta la gamma
il pannello divisorio del cofano non è più rivestito in
pelle ma è in tessuto peloso/velcro
















---- ALFETTA GT 1.6 1979-1980 -109cv--------------------------------
è la versione che ha fatto meno ''storia'' nelle gt-gtv
perchè lamotorizzazione 1.6 non dava tante emozioni sportive.....
ora trovarne una...è molto raro





----ALFETTA GTV 2.0L 1979-1980 130cv---------------------------
questa è una delle versioni più diffuse ,cambiano gli interni ,
ora con i braccioli smontabili; la plastica copri-tunnel corta;
il tappo della benzina di plastica; la mascherina a lame senza
più i baffi cromati, lo scudo a cuore alfa è in plastica e non più in acciaio come era per le gt; il cambio con la coppia conica più Lunga 10/41 ; l'asta dell'olio tra ai collettori di scarico,
i vetri sono antiriflesso di color verde; e non sono più incollati, compare il climatizzatore


















----GTV 2.0 1981-1983 -130CV-------------------------------------
il vero e proprio 1° restayling della macchina,
compaiono i paraurti avvolgenti di plastica; interni con nuova gamma di tessuti in panno gessato, con gessature orizzontali,
cruscotto di diverso stampo con strumenti posizionati tutti orizzontalmente e a fondo nero, il
radiatore dell'acqua maggiorato,
scompaiono le scritte gtv laterali, i gocciolatoi sono più lunghi e scompaiono tutte le cromature,
cambiano i fanali posteriori e i deflettori apribili ora sono fissi
la scocca e la meccanica delle 2.0 e delle 2.5
ora sono tutte in comune (serie-unificata-)











----GTV6 2.5 1980 -160CV --------------------------------------------
è come la nuova 2.0 ma con il motore dell'alfa6 ad iniezione ,
il cofano si differisce per una notevole bombatura data
per ospitare il motore v6
i cerchioni da 15'' su tutta la serie















valida referenza
http://www.gtv6-156gta.be/LaGTV6presentGenerale2IT.html


----GTV 2.5 V6 e 2.0 -1985- 2° RESTAYLING----------------------------
delle gtv ora hanno i sedili avvolgenti con il poggiatesta a retina e in panno gessato nero o beigea linee verticali;
l'antenna della radio è di serie ed è integrata nel vetro anteriore,
i vetri sono antiriflesso azzurri o verdi,gli specchietti con regolazione elettrica,
serrature antifurto con chiave speciale; vetri elettrici e compare
la frizione a doppio disco (solo su V6)










====================================================================================================================



VERSIONI DA ESPORTAZIONE E VERSIONI SPECIALI





----GTV GRAN PRIX 1981 ----------------------------------------------
versione speciale numerata fatta per festeggiare l'entrata
dell'alfaromeo nel campionato di F-1 ;
in colore rosso corsa AR 415 con cerchioni da 15''X 6J in doppio colore ,con mouquette rossa, sedili grigio scuro
con gessatura orizzontale












----- ALFETTA GTV 2.0 TURBODELTA 1979- 150cv ------------------------
nasce la versione turbo ,
le vetture venivano modificate dall'autodelta ed allestite con turbina KKK ,
venivano sostituiti i cofani di lamiera con quelli
alleggeriti in fibra di vetro con le griglie di raffreddamento,
vano motore con parafango forato per raffreddate i collettori di scarico,
griglia della calandra a lamelle ''tagliate'' mantenendo
solo i due baffi cromati
gli interni erano in panno verde oliva;
le vetture erano disponibili in rosso;verde oliva metallizzato;
anche se qualche esemplare è nera o in bianco , oro








----ALFETTA GTV 2.0 DELTA 1980 -------------------------------------
versione per l'esportazione destinata al mercato europeo
commercializzata in Francia e Germania,
grossomodo è come la versione 2.0 italiana ma con dettagli
specifici aggiunti dall'importatore tedesco;
come:
sedili avvolgenti DELTA di fabbricazione ASS
con tessuto nero a strisce verticali in ambra e schienale in pelle;pannelli degli sportelli in pelle
con aggiunta della tasca portaoggetti in plastica;
mouquette rossa o in grigio-azzurrato;
cerchioni in magnesio RONAL A-1 da 15"X 7J ,
alberi a cammes specifici con incrocio sportivo derivati
dalle gruppo 2, carburatori solex C40-ADDHE
si presenta con paraurti avvolgenti in gomma ,codolini ai passaruota;alettone avvolgente posteriore,
IN QUALCHE esemplare sono presenti le modanature sbattiporta
alle fiancate e il tetto esterno rivestito in vinile.


colori disponibili:

-ROSSO CORSA AR501
-NERO AR901
-BLU SCURO AR369
-AZZURRO LE MANS AR348
-BIANCO AR008
-AVORIO AR103

metallizzati fuori serie:
-MIDNIGHT RED AR545 opale
-ARGENTO AR762
-AZZURRO

















gtv.jpg














----GTS 2.0 AMERICA 1979-----------------------------------------

GTS 2.0 AMERICA nel Regno unito; America ; Australia,
la sigla gtv viene sostituita dalla sigla ''Gran Turismo Sedan''
e presentano modifiche per le specifiche norme di sicurezza per il paese interessato.
essenzialmente è come la versione 1.8 italiana ma
con accorgimenti specifici USA come:
paraurti ad alto potere assorbente; motore a bassa emissione di ''CO'' e ad iniezione meccanica spica;
fari con lampadina incorporata:(la lampadina è il faro stesso e se si brucia si butta tutto),
cerchioni di foggia speciale; modanature sbattiporta;
sidemarker per la visibilità agli incroci;
serbatoio carburante all'interno del cofano (come i 2.5)e tutta la vetreria è antiriflesso bronzata



















----GTS 2.0 SPORT (USA)---------------------------------------------












----GTS 2.0 UNITED KINGDOM-------------------------------------------
versione inglese con guida a destra; praticamente come quella Italiana ma con interni in tessuti specifici;
come la mouquette in beige; sedili in panno beige o in tessuto
scozzese misto pelle; panno azzurro misto pelle














----- GTS 2.5 V6 AMERICA / (UNITED KINGDOM con guida a destra)-------











----GTV6 GRAN PRIX /GTV6 PRODUCTION /1983----------------------------
erano serie speciali destinate alla Svizzera,Francia,Germania,Svezia,Belgio ,
si presentano con un kit estetico firmato LESTER
i colori disponibili sono : rosso,nero,argento e
sulle fiancate si legge la scritta in adesivo identificativa



















-----GTV6 MONACO ---------------------------------------------------
questa è una serie limitatissima e prettamente lussuosa, destinata al mercato tedesco;si notano che tutti gli interni;
cruscotto ,sedili ,volante sono in vera pelle e il tetto apribile è in cristallo scuro













----- GTV BALOCCO SE (AMERICA)-----------------------------------------
prima versione speciale per l'America fatta in serie numerata con interni in pelle e tetto apribile




















GTS V6 MARATONA (America)--------------------------------------------













-----GTV6 BLACK JAK (ITALIA)-----------------------------------------
versione limitatissima della v6
simile alla maratona ;con interni in pelle e vettura in nero lucido con cerchioni (originali) tipo speedline da 190x15''/2 con gomme trx
che essendo quasi introvabili e troppo costosi, sicuramente il proprietario li ha sostitui


















-----CALLAWAY V6 TWIN TURBO (America)--------------------------------
versione modificata in pochi esemplari dall'importatore americano, modificata con 2 turbine




















-----GTV 3000 (SUD AFRICA E AUSTRALIA)--------------------------------
versione esclusiva per Australia e Sud africa con guida a destra riconoscibile dal suo kit estetico e dal cofano con presa d'aria naca
















Immagine:











---- GTV 2.6 V8 (GERMANIA)-------------------------------------------
VERSIONE PROTOTIPO----------------------------------------------------
IL prototipo dell'alfaromeo era basato su una radicale modifica dello chassys , tagliando la lamiera che divide il cofano posteriore
dall'abitacolo, rendendo così comunicante il cofano,tale modifica comportava la sostituzione del divanetto con due sedili ceri e propri
fatti dalla delta (adottati poi dalla versione 2.0 delta)
il cruscotto si presentava con la classica posizione frontale della strumentazione; volante inedito; pannelli laterali con tasca
portaoggetti (adottata poi dalla versione 2.0 delta)
i paraurti sono in gomma ed avvolgenti (usati poi nella versione 2.0 delta),le modanature sono in nero,
i cerchioni dal disegno inedito (simili a quelli usati dalla ww golf gti)
questa versione della gtv viene richiesta in una piccola produzione dall'importatore tedesco in circa 20 unità ;
visto la piccola ordinazione l'alfa romeo modificò alcune vetture dalla linea di produzione ma adottando lievi modifiche strutturali
come il diaframma diverso ,per alloggiare il radiatore dell'acqua(che è subito dietro alla mascherina e il radiatore dell'olio
che è posizionato sotto subito dietro le griglie inferiori.
Il motore V8 della MONTREAL con iniezione meccanica spica, il cofano con una bombatura e presa d'aria specifica.

















VERSIONE EFFETTIVA----------------------------------------------------



Immagine:

29,02 KB

Immagine:

120,3 KB

Immagine:

63,59 KB

Immagine:

41,09 KB

Immagine:

49,93 KB

Immagine:

79,05 KB

Immagine:

100,6 KB





=================================================================================================





VERSIONI DA CORSA
Dopo l’uscita di scena della GTAm, erano state le Alfetta Gt e GTV 2000 a mantenere alto nelle competizioni il nome della Casa del Biscione. La preparazione della vettura, tuttavia, era stata in sostanza lasciata ai privati, dato che la Casa era impegnata nella fornitura dei 12 cilindri boxer alla Scuderia Brabham di formula 1 e a preparare le proprie 33 per gareggiare nel Mondiale Marche. Con il risultato che, pur avendo fatto intravedere grande competitività a livello assoluto (splendida l’affermazione di Amilcare Ballestrieri al Rally dell’Isola d’Elba del 1975), era mancato quello sviluppo che solo il reparto corse della Casa poteva portare avanti.Quando all’Alfa Romeo, nel 1975, si resero conto che i successi nei rally erano un cassa di risonanza altrettanto importante che quelli in pista, decisero di scendere in campo per preparare una vettura in grado di sbaragliare la concorrenza più agguerrita che aveva la punta di diamante nella Lancia Stratos.
In quest’ottica ci aveva pensato l’Autodelta ad allestire, nel 1980, una versione sovralimentata del bialbero di due litri (l’Alfetta GTV Turbodelta omologata in gruppo 4) e con ottimi risultati in termini di competitività a livello assoluto, il cui limite era però costituito dalla scarsa affidabilità viste le precarie risorse a disposizione per la messa a punto della vettura, dato che l’Autodelta era a quel tempo occupata soprattutto a preparare la monoposto Alfa Romeo di Formula 1.L’arrivo della GTV6 risolse d’un colpo i problemi. Era l’arma ideale per gareggiare nell’Europeo Turismo, dove, nel 1982, era subentrato il nuovo regolamento con la creazione del gruppo A che sostituiva il vecchio gruppo 2.La strutturazione in tre classi, fino a 1600, fino a 2500 e oltre i 2500, studiata per incrementare lo spettacolo, si rivelò una formula efficace per rendere incerto il campionato. L’Europeo poteva in tal modo essere vinto anche da una piccola 1600, qualora avesse dominato la sua classe, riportando un maggior numero di vittorie nei confronti delle vetture che gareggiavano in classi superiori. La GTV6 dominò la classe fino a 2500 vincendo la propria divisione in otto prove su undici e lasciando all’Audi Quattro coupé le altre tre prove.Un sostanzioso apporto venne fornito anche dall’indimenticata ex pilota di F1 Lella Lombardi in coppia (fino alla gara di Brno) con Anna Cambiaghi e poi con Palma. Nel corso della sua lunga carriera agonistica la GTV 6 fu vettura estremamente versatile. Vinse in pista, nei rally e nelle cronoscalate, dimostrando una perfezione di progetto che poche altre vetture hanno saputo palesare. Si dimostrò competitiva sui terreni più diversi, perfino lungo i massacranti toboga dell’East African Safari Rally guidata dal grande “Drago” Sandro Munari, che puntò proprio sulla GTV6 per conquistare il trofeo che mancava al suo palmarés. Si ritirò quando stava lottando con i primi per un banale guasto all’impianto elettrico.







-----GT 1.8 1975 carburatori------------------------------------------

Immagine:

38,28 KB

Immagine:

120,55 KB

Immagine:

69,38 KB






-----GTV Gr5 1.4 TURBO 16 valvole 450cv------------------------------
Immagine:

24,59 KB

Immagine:

73,24 KB

Immagine:

52,29 KB

Immagine:

53,46 KB

Immagine:

57,7 KB







-----GT 3.0 V8 ------------------------------------------------------
carburatori e telaio in alluminio; con cambio anteriore
(per sopportare le forti sollecitazioni)

Immagine:

60,8 KB

Immagine:

20,3 KB

Immagine:

34,09 KB







------GTV 2.0 TURBODELTA ---------------------------------------------
Immagine:

70,56 KB







-------GTV 6 2.5------------------------------------------------------
Immagine:

37,87 KB

Immagine:

103,34 KB

Immagine:

71,72 KB



=======================================================================



--------I BOZZETTI DI GIUGIARO---------------------------------------

Immagine:

17,54 KB





--------PROTOTIPI----------------------------------------------------
ALFETTA GT
Immagine:

19,6 KB

Immagine:

41,56 KB


Immagine:

51,64 KB

Immagine:

53,31 KB






----GTV 6 3.0 ZAGATO prototipo

Immagine:

30,54 KB




---------------------------------------------------------------------

GTV 2.5
Immagine:

37,52 KB

Immagine:

33,99 KB

Immagine:

32,66 KB



---I KIT ESTETICI

Immagine:

74,61 KB

Immagine:

81,18 KB[/size=1
-----------------------------------------------------------------
Inserito il - 08/05/2008 (Bobby CUORE ALFISTA)
Alfa Romeo GTV6 2.5

L'articolo completo su Automobilismo d'Epoca maggio 2007

1- Introduzione
“E’ un motore da 200 CV” - disse Giuseppe Busso - che del sei cilindri a V da 2,5 litri montato sotto il cofano dell’Alfetta GTV6 è stato il padre. Sottintendendo, con questo, che il motore era stato volutamente limitato a 160 CV per privilegiare la progressione a basso numero di giri e il contenimento dei consumi. Per dare a questo coupé Alfa Romeo il tono di una vera Gran Turismo, capace di tirar fuori le unghie quando occorre, ma docile quanto basta per essere guidata con scioltezza e nel comfort durante i viaggi di lavoro o di piacere. La GTV6 2,5 è il punto d’arrivo di un progetto nato con l’Alfetta Gt del 1974 ed evoluto fino ad avere sotto il cofano un motore capace di sfruttare in modo completo le grandi potenzialità del telaio. Ad orientare i vertici della Casa verso l’aumento di cilindrata fu, nel 1979, l’arrivo dell’Alfa 6, dalla quale la GTV6 mutuò il motore con la variante dell’alimentazione ad iniezione elettronica anziché a carburatori.
Il sei cilindri da 2492 cm3 dell’ammiraglia fu ritenuto (a parità di prestazioni) una soluzione migliore rispetto al quattro cilindri di due litri sovralimentato: e questo per la maggiore facilità e souplesse di guida. L’ipotesi del turbo fu così accantonata, con soddisfazione dei motoristi Alfa Romeo che verso questa soluzione non avevano mai nutrito troppa simpatia. Le uniche perplessità erano di tipo commerciale: oltre i due litri di cilindrata (per vetture a benzina) scattava l’IVA pesante che faceva lievitare a dismisura il prezzo d’acquisto, per di più su di un modello che era sulla scena da sei anni. Perplessità, comunque, che svanirono ben presto: il coupé Alfetta vantava una schiera di affezionati estimatori i quali, superate le incertezze della seconda crisi energetica del 1979, manifestavano un crescente gradimento verso un modello che in fatto di stile ha fatto scuola. L’accoglienza del mercato verso questa 2 litri e mezzo fu quindi calorosa, superiore persino alle aspettative della stessa Casa specialmente all’estero, dove la sovrattassa d’acquisto non c’era. Oltre che nei Paesi di lingua tedesca, le GTV 6 furono richieste specialmente negli Stati Uniti, in Australia, in Inghilterra, in Sud Africa e persino in Francia, terreno da sempre ostico per i nostri modelli.
Anche se il corpo vettura non subì modifiche, fu l’ampio utilizzo di materia plastica, abbinato ad una rivisitazione dell’interno, a conferire una nuova e più incisiva personalità a questa GTV6 che diveniva il modello di punta della gamma. La novità più evidente era costituita dai paraurti in resina elastica, di colore grigio scuro e avvolgenti. Quello anteriore ospita gli indicatori di direzione e, al di sotto, forma una presa d’aria sdoppiata. Diverso è anche lo spoiler, pronunciato verso l’avanti e ora formato in un’unica soluzione. Le modifiche erano completate dalla nuova calandra in plastica nera che presenta uno scudetto ristilizzato. Sul cofano compariva un rialzo con un inserto centrale (anch’esso di plastica) che, oltre a far riconoscere a colpo d’occhio la GTV6, donava aggressività al frontale sottolineando la potenza del nuovo motore. Non era, però, solo un motivo estetico: serviva a creare spazio per l’impianto d’iniezione sistemato al centro del V formato dai cilindri. Dietro, oltre al nuovo paraurti e alla targhetta identificativa (recante la scritta “Alfa Romeo gvt6 2.5”) sul bordo del portellone, si notavano i gruppi ottici più grandi che incorporavano anche l’utile retronebbia. Sul montante posteriore scompariva la scritta GTV che funge da sfogo dell’aria viziata dell’abitacolo, sostituita da una mostrina di plastica. Alla parte inferiore della carrozzeria era stato aggiunto un profilo raccordato ai parafanghi, il quale, oltre a snellire la fiancata, proteggeva il lamierato sottoporta dalla proiezione di brecciolino.
All’interno la novità era la plancia con la strumentazione principale riportata dietro al volante, anch’esso di nuova foggia e di diametro inferiore al precedente. Al centro rimanevano gli strumenti secondari. A lato del contagiri c’era finalmente anche l’orologio, stranamente mancante nelle precedenti versioni di minor cilindrata. Sul tunnel centrale si notava l’interruttore per la regolazione elettrica del retrovisore esterno: per il resto l’allestimento era quello della precedente GTV 2000 L, con l’unica differenza di un diverso motivo di decorazione della selleria. Tutti i profili cromati lungo i finestrini, i gocciolatoi e le maniglie porta avevano assunto la colorazione nero opaco: erano stati invece eliminati quelli posti lungo le guarnizioni del cristallo e del lunotto.5- Il restyling
Prestazioni elevate, piacere di guida, comfort ed economia di esercizio, furono la chiave dell’incoraggiante riscontro di vendite che indusse l’Alfa Romeo, nel 1983, a prendere in considerazione un robusto restyling che proiettasse questa sportiva verso gli anni ’90. Il Centro Stile Alfa Romeo e lo stesso Giugiaro (autore della splendida linea di questo coupé) proposero alcune soluzioni interessanti, tra le quali ce n’era una che prevedeva una nuova plancia con il cruscotto regolabile in funzione della posizione in altezza assunta dal volante. Si notava una particolare attenzione al perfezionamento della già buona penetrazione aerodinamica della carrozzeria, con l’eliminazione degli spigoli, l’aggiunta di uno spoiler posizionato più in alto sul portellone e uno studio volto a meglio raccordare l’accoppiamento delle parti accessorie con il profilo della carrozzeria. Il frontale era stato rivisto adottando una diversa calandra con una coppia di fari di forma rettangolare allungata, recanti all’estremità gli indicatori di direzione.
L’intento comune alle diverse proposte era di dare nuova personalità ad un modello (alla cui linea si ispirarono la Porsche 924 e la Renault Fuego) che aveva dimostrato di possedere un’impostazione tecnica e progettuale di elevato contenuto, dimostrata, fra l’altro, dall’impeccabile superamento dei crash-test più severi negli Stati Uniti dove si era guadagnata la fama di auto più sicura della categoria. La mole delle modifiche avrebbe tuttavia richiesto investimenti che furono giudicati eccessivi, visto il momento di difficoltà che avrebbe consegnato la Casa del Portello alla Fiat. Si preferì allora semplificare il restyling, accentrando gli interventi all’interno dell’abitacolo, mentre all’esterno si notavano l’aggiunta di un largo profilo in plastica lungo la fiancata all’altezza del bordo superiore dei paraurti e la nuova targhetta con il solo nome “GTV6 2.5” di diversa grafica.Quest’ultimo intervento esaltò ulteriormente la vocazione al granturismo della GTV6, conferendo all’abitacolo un aspetto d’elegante e raffinata sportività. Particolarmente belli e riusciti erano i nuovi sedili, con il piano di seduta pronunciato in avanti per sostenere le cosce. Quelli anteriori erano dotati di nuovi appoggiatesta a rete incorporati allo schienale. Di nuovo disegno erano anche i pannelli porta e i fianchetti posteriori, con colori e materiali armonizzati alla selleria.



http://www.gtv6-156gta.be/LaGTV6presentGenerale2IT.html

http://www.alfaromeo75.it/successi%20sportivi%20alfetta%20gt.htm




TABELLA COLORI:

GT 1.8
i pannelli laterale sono tutti in cartone rivestiti di pelle nera compreso il divisore del cofano; cruscotto senza legno, copritunnel lungo con posacenere,il celo è in pelle bianca con padiglione parasole nero, la mouquette nera

GT 1.6 - GTV 2.0
i pannelli laterali sono in coordinato con la tappezzeria;velluto colorato ,pelle nera , pelle crema ;il divisore del cofano è cartone rivestito in velcro ,il cruscotto ha il legno (eccetto la 1.6), il copritunnel corto,il celo è in pelle bianca con i parasoli neri, la mouquette prugna:

questi sono gli abbinamenti interni di listino; l'interno in pelle era optional comunque ; la vettura solo in fase di ordinazione poteva essere personalizzata con diversi colori

ACCOSTAMENTI CARROZZERIA INTERNI (sedili)

GT-1.8

Biancospino 013 Panno monocromatico azzurro BLK e fianchetti in Texalfa nera NET

Blu Olandese 343 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Rosso Alfa 501 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Azzurro Le Mans 348 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Giallo Piper 116 Panno monocromatico grigio GLK e fianchetti in Texalfa nera NET

Prugna 525 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Verde Pino 216 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Beige chiaro met. 827 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Luci di bosco met. Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT

Grigio chiaro met. 727 Panno monocromatico beige BEV e fianchetti in Texalfa cuoio antico CNT o Panno monocromatico grigio GLK e fianchetti in Texalfa nera NET

TEXALFA = Finta pelle
I pannelli porte sono in tinta con il Texalfa corrispondente dei sedili
I cieli tutti color panna. Moquette del fondo tutte color cuoio antico.


GT-1.6

Avorio 103 Stoffa Principe di galles blu e fianchetti in Texalfa blu o Texalfa blu scuro BMT

Biancospino 013 Stoffa Principe di galles blu e fianchetti in Texalfa blu O Texalfa blu scuro BMT

Blu Olandese 343 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Rosso Alfa 501 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Azzurro Le Mans 348 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Giallo Piper 116 Stoffa Principe di galles nero e fianchetti in Texalfa neroO Texalfa blu scuro NET

Prugna 525 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Verde Pino 216 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Beige chiaro met. 827 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa blu scuro BMT

Luci di bosco met. Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Blu pervinca met. 349 Stoffa Principe di galles beige e fianchetti in Texalfa beigeO Texalfa cuoio CTT

Grigio chiaro met. 727 Stoffa Principe di galles nero e fianchetti in Texalfa neroO Texalfa nero NET


GTV 1977/1980
codice CARROZZERIA---------------------INTERNO in VELLUTO-----------------INTERNO in PELLE
Avorio103------------------------------------verde oliva---------------------------------marrone cinghiale di maremma
Blu Olanda343-------------------------------beige---------------------------------------marrone cinghiale di maremma
Verde Pino216-------------------------------arancio-------------------------------------marrone cinghiale di maremma
Argento chiaro met.---------------------verde oliva---------------------------------nero o crema
Rosso Alfa AR530-----------------------verde oliva----------------------------------nero o crema
Rosso alfa AR130------tessuto azzurro -----------nero
Biancospino003------------------------------beige----------------------------------------nero
Luci di bosco met.-----------------------beige o scozzese---------------------------crema
Blu pervinca met.349------------------------arancio--------------------------------------crema
Prugna525------------------------------------beige----------------------------------------crema
Nero--------------------------------------arancio--------------------------------------crema
Giallo Piper116-------------------------------azzurro--------------------------------------crema
Oro met AR826---------------------------beige---------------------------------------crema
Azzurro Le Mans AR348-----------------arancio -----------------------------crema o Cinghiale di maremma
Grigio chiaro met.727 ------------------Verde------------------------------------------------------------ Nero

GTV 2.0 - 2.5
i pannelli laterali sono in coordinato con la tappezzeria;panno beige o nero gessati,pelle nera,pelle crema ;il divisore del cofano è cartone rivestito in velcro ,il cruscotto è di nuova forma, il copritunnel corto con al portaoggetti la mouquette abbinata,il celo è in pelle bianca con i parasoli neri, la mouquette marrone chiaro o nera:

GTV6-2.0 1981/1988
codice CARROZZERIA---------------------INTERNO in PANNO GESSATO-----------------INTERNO in PELLE
Argento chiaro met.AR727------------------nero--------------------------------------------------nero
Rosso Alfa AR530 -------------------------beige o nero-----------------------------------------nero o crema
Luci di bosco -------------------------------beige-------------------------------------------------crema
Azzurro met.--------------------------------beige------------------------------------------------crema
Nero ----------------------------------------beige-------------------------------------------------crema
Nero met.-----------------------------------nero o beige----------------------------------------nero o crema
Grigio met.----------------------------------nero o beige----------------------------------------nero o crema



questi sono gli abbinamenti interni di listino; l'interno in pelle era optional e comunque la vettura solo in fase di ordinazione poteva essere personalizzata con diversi colori


ROSSO CORSA AR 514 (1980)







Immagine:

[size=1] 30,56 KB



20   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
starfighter Inserito il - 19/07/2019 : 22:13:05
Qualcosa ho
Per i liquidi puoi usare tutto ciò che è in commercio in quanto tutto standardizzato
Giovanni Inserito il - 20/06/2019 : 00:32:08
salve a tutti mi sto cimentando nel restauro di una alfa g.t. 1.6 anno 1976 blu codice telaio 116.04
il motore è in ottime condizioni avendo percorso solo 10 mila km, la carrozzeria un po meno a causa della forte presenza di ruggine nei sottoporta, portellone posteriore, angolo parabrezza e fondo ruota di scorta (questo completamente bucato)
vorrei procedere alla sostituione liquidi e olio, potreste darmi le specifiche per entrambi e consigliarmi marca e tipo?
in ultimo sul portellone è presente la scritta ALFA ....ma non la restante parte ROMEo dove posso reperirla.

Grazie a tutti e presto delle foto..
starfighter Inserito il - 14/04/2019 : 22:54:24
Le frecce anteriori bianche erano sulla 1.8 e 2.0 122cv
Poi uniformate in arancioni/bianche dal 77/78 circa

Lo specchietto era sia il classico a padella tondo che rettangolare , per essere precisi era un optional e non obbligatorio

Il logo posteriore è uguale a quello dello scudo ma senza la scritta *MIlano*
Tanaradr Inserito il - 27/02/2019 : 14:17:28
Grazie Biancorosso!!
le tue informazioni sono preziosissime.
La mia il logo posteriore ce l'ha ma è quello grande dell'82...temevo lo avessero cambiato, e mi hai dato la conferma.
sulle cornici dei fari anteriori in effetti da alcune foto dei depliant Alfa si evince ci fossero.
grazie mille ancora.


grazie e ciao a tutti gli Alfettisti!
biancorosso Inserito il - 27/02/2019 : 10:01:28
Tanaradr ha scritto:

Ciao a tutti Alfisti.
nell'informarmi sulle caratteristiche del mio nuovo acquisto strisciante sono imbattuto nella vostra discussione.Devo dire che sono rimasto sorpresissimo dalla dovizia di informazioni e dalla precisione. Complimenti a tutti!

vorrei approfittare della vostra onniscenza per un paio di domande...
- ho un 1.6 immatricolato nel '77 telaio 116.04 e motore 01600
1) le frecce anteriori di direzione arano ancora trasparenti (bianche) oppure uscivano già bianche/arancioni nel 1977?
2) il logo-fregio posteriore sul portellone baule c'era? e se si era da 50 mm come quello sulla mascherina anteriore? (senza la scritta "milano" modello 1972)
3) le cornici cromate dei fari anteriori non mi risulta li montasse (solo modello 1.8 credo), confermate?
4) specchietto retrovisore (non obbligatorio) veniva montato tondo o rettangolare? credo tondo perchè il rettangolare lo mettevano dopo il'78.

se riuscite a togliermi questi dubbi ve ne sono grato.
e grazie davvero per la bella discussione.


Ciao Tanaradr,
ho anch'io un gt 1.6 del '77, ti rispondo in base a quanto ho sulla mia:
1 - Le frecce anteriori sono bianche/arancioni (bianche lo erano solo sul gt 1.8, forse i primi 1.6 e 2.0 avevano le bianche in quanto rimanenze di magazzino).
2 - Il logo è presente anche sul portellone posteriore, ed è identico a quello anteriore, senza la scritta Milano che fu tolta dai loghi a inizio anni '70 quando aprì lo stabilimento di Pomigliano.
3 - I fari anteriori montano le cornici cromate.
4 - Lo specchietto retrovisore sulla mia è rettangolare ma credo che in quell'anno fossero usati entrambi.

Spero di esserti stato d'aiuto, ti ho risposto in base a cosa ho sulla mia, in ogni caso su questo forum ci sono degli appassionati molto ben informati che potranno darti ulteriori informazioni.

Tanaradr Inserito il - 26/02/2019 : 18:11:08
Ciao a tutti Alfisti.
nell'informarmi sulle caratteristiche del mio nuovo acquisto strisciante sono imbattuto nella vostra discussione.Devo dire che sono rimasto sorpresissimo dalla dovizia di informazioni e dalla precisione. Complimenti a tutti!

vorrei approfittare della vostra onniscenza per un paio di domande...
- ho un 1.6 immatricolato nel '77 telaio 116.04 e motore 01600
1) le frecce anteriori di direzione arano ancora trasparenti (bianche) oppure uscivano già bianche/arancioni nel 1977?
2) il logo-fregio posteriore sul portellone baule c'era? e se si era da 50 mm come quello sulla mascherina anteriore? (senza la scritta "milano" modello 1972)
3) le cornici cromate dei fari anteriori non mi risulta li montasse (solo modello 1.8 credo), confermate?
4) specchietto retrovisore (non obbligatorio) veniva montato tondo o rettangolare? credo tondo perchè il rettangolare lo mettevano dopo il'78.

se riuscite a togliermi questi dubbi ve ne sono grato.
e grazie davvero per la bella discussione.
starfighter Inserito il - 11/08/2018 : 18:49:49
Le "delta" estere portavano già il condizionatore
I paracolpi laterali sono una kikka non montate su tutte...
La mouquette era rossa o grigio-azzurro
I pannelli laterali erano in similpelle ruvida priva di cuciture di abbellimento
Sulla mia avevo la mouquette grigio-azzurro e i pannelli porta normali che non erano i suoi di origine ma avevo le tasche portiera in plastica
fargo86 Inserito il - 26/07/2018 : 07:27:43
Si, ha la plancia centrale con i due tasti centrali di comando, sovrapposti. Il compressore è molto grande (messo nel vano motore dal lato collettori, se non ricordo male). La batteria è posta nel cofano posteriore. Quindi in linea teorica, potrebbe essere uscito dalla casa. Il fatto è che in Italia, a quanto ne so, è stato reso disponibile come accessorio a partire dal '78 (GTV L). Non ho informazioni riguardanti i modelli venduti in Germania.
La vettura è colore rosso alfa. La moquette è beige (come i pannelli porta laterali).
Per il resto, il kit è davvero completo. Ci sono anche le strisce paracolpi laterali.
Per quanto riguarda le foto, appena la vado a rivedere, provvedo :)
starfighter Inserito il - 25/07/2018 : 23:04:04
La GTV col condizionatore ha la plancia centrale specifica perciò se montato posticcio si vede , il compressore è un 75cc ed è abbastanza grande , perciò non come quello centrifugo tipo alfa75 (che sarebbe meglio)
Il kit delta prevedeva la mouquette rossa , in alcuni casi grigio-azzurro , sedili specifici , codolini passaruota , spoiler anteriore , alettone posteriore , è difficile sapere se montato successivamente fai da se o dal tedesco
Che colore è?
Hai foto?
fargo86 Inserito il - 23/07/2018 : 19:28:45
Infatti, fosse così sarebbe particolare...dovrei solo riuscire a capire se sia stata montata in origine, dalla Casa
Bobby Inserito il - 23/07/2018 : 19:04:39
Se monta l'aria condizionata di serie, beh già questo è motivo sufficiente per acquistare l'auto visto che si tratta di un accessorio molto raro sulle vetture anni '70.
fargo86 Inserito il - 22/07/2018 : 18:50:31
Ciao a tutti! Mi chiamo Lorenzo, e vengo dal Piemonte :)
Sono un appassionato del Marchio, e sto valutando l'acquisto di una Alfetta GTV 2000. Chiedo lumi a voi, che a quanto vedo, siete molto ferrati in materia.
La vettura che sto visionando è stata immatricolata in Italia nel 1982, prima era stata immatricolata in Germania (cosa confermata dal libretto e dalla targhetta nel vano motore), ma leggendo il n° di telaio dovrebbe essere stata costruita a metà '77. Fin qui nulla di strano, se non che la macchina in questione monta tutto il kit della Delta (il preparatore tedesco), eccetto la moquette (che è beige) ed i cerchioni Ronal A1, ma da 14 pollici e non da 15.
E' una GTV da 122 cv, ma monta l'aria condizionata. E' possibile che in Germania questo optional fosse disponibile prima che in Italia?
Ho scritto all'Alfa Romeo per avere lumi, ma hanno risposto che non possiedono informazioni relative a quel numero di telaio ( specificando che comunque può capitare)! La storia mi incuriosice e vorrei essere sicuro di cosa compro...
Attendo gentilmente vostri riscontri :)
starfighter Inserito il - 25/06/2018 : 23:20:16
Come detto , erano sia neri che beige
AlexRosso Inserito il - 15/06/2018 : 19:36:39
chiedo umilmente scusa per aver ripostato tutta la storia dell'alfetta gt/gtv,
in verità avevo un paio di domande, poichè sto restaurando un GTV 2.0 febbraio 1985 e essendo in possesso di due interni completi uno beige e l'altro nero, vorrei conferma da chi è sicuramente più informato di me se con il colore Rosso Alfa AR530 potevano essere scelti anche gli interni neri, poichè tutte le foto che trovo sono in beige. Altra domanda è se qualcuno conosce il codice colore della fascia inferiore grigio, da quello che ho trovato dovrebbe essere AR 701, ma il fornitore delle vernici non lo trova e dice che è 761 ?????

(GTV 2.0 - 2.5 i pannelli laterali sono in coordinato con la tappezzeria;panno beige o nero gessati,pelle nera,pelle crema ;il divisore del cofano è cartone rivestito in velcro ,il cruscotto è di nuova forma, il copritunnel corto con al portaoggetti la mouquette abbinata,il celo è in pelle bianca con i parasoli neri, la mouquette marrone chiaro o nera:

GTV6-2.0 1981/1988
codice CARROZZERIA---------------------INTERNO in PANNO GESSATO-----------------INTERNO in PELLE
Rosso Alfa AR530 -------------------------beige o nero-----------------------------------------nero o crema

questi sono gli abbinamenti interni di listino; l'interno in pelle era optional e comunque la vettura solo in fase di ordinazione poteva essere personalizzata con diversi colori)

Grazie
starfighter Inserito il - 19/04/2017 : 20:58:11
Consigli per gli acquisti

http://www.okp.de/xtc2/GTV/6/75-Carrozzeria/Posteriore/Dorsale-posteriore-superiore-Alfetta-GTV::16591.html?language=it&MODsid=d8c2a8b2dad5d2dc5105566e7bd22e47
[19/4,

http://www.scuderia116.fr/pieces-detachees-auto-alfa-romeo/boutique/index.php?act=viewsouscat&catname=pieces%20pour%20Alfetta%20GTV/GTV6&title=Catalogue%20Online&souscatname=equipement%20exterieur%20-%20face%20avant

https://italiancarparts-shop.de/epages/0762aba1-cfcc-4367-bae0-5e2da953efee.sf/en_GB/?ObjectPath=/Shops/0762aba1-cfcc-4367-bae0-5e2da953efee/Categories/"Alfa+Romeo+Ersatzteile"/"Alfa+Typ+116"/"Alfa+Alfetta+GT/GTV"

https://italiancarparts-shop.de/epages/0762aba1-cfcc-4367-bae0-5e2da953efee.sf/en_GB/?ObjectPath=/Shops/0762aba1-cfcc-4367-bae0-5e2da953efee/Products/11610540300000
popi77 Inserito il - 30/04/2016 : 12:24:13
Mille grazie per le dritte. Scusate per la lentezza nella risposta ma ero temporaneamente "deinternettizzato" . Comunque tipo ar 11636 del 1976 telaio *0006938* omologazione n°15531 motore 01623. Ora mentre il meccanico la resuscita potrò cercare ciò che risulta errato.Non vedo l'ora di farci un giro. Grazie ancora a tutti. Soprattutto a Starfighter.
oscarjus Inserito il - 24/04/2016 : 09:11:24
Per me sei bravo e pecchi di modestia!
starfighter Inserito il - 22/04/2016 : 20:46:42
noooo macché, io lo faccio amatoriale , c'è gente molto piu esperta, io vado a ricordi di autodemolizioni e qualche libricino
oscarjus Inserito il - 21/04/2016 : 13:21:46
Sei proprio un esperto star....ma non hai mai pensato di fare l'ispettore ASI?
llengui Inserito il - 19/04/2016 : 11:36:21
perfetto




© Club Cuore Alfista Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,55 secondi. Herniasurgery.it | SuperDeeJay.Net | Snitz Forums 2000