Menu
   Home
   Chi siamo
   Iscrizione
   Contatti
   Lo Statuto
   Raduni
   Links
   Le storiche
   Le attuali
   Fotogallery
   Gadgets

Aree tematiche
    1- Cuore Alfista
    2-Posta dall'A.R.
    3-La stampa
    4-Incontri
    5-Sicurezza
    6-Speciali
    7-Gli uomini
    8-Tecnica
    9-Tuning
   10-Le Alfa
   11-Modellismo
   12-Aut.Storico
   13-La Storia
   14-Arese
   15- Pomigliano
   16-Libri
   17-Pol. Aziendali
   18-C.della strada
   19-Rass. stampa
   20-Centenario
   21-Restauri
   22-Le altre
   23-Marchionnate
   24-Materiale
   25-Formula 1

L'alfa Romeo ritorna in F1; bufala o realtà?
Presentata la nuova Alfa-Sauber 2018, anzi no era solo un vecchio modello del 2008!!
di: CCA-Club   Pubblicato il 05/12/2017    (Letture 25)

"Una gran figata”. Marchionne non ha avuto peli sulla lingua per spiegare con un'espressione gergale e colorita come sentisse il ritorno dell'Alfa Romeo alle corse. Poi ha proseguito in modo più solenne: “Oggi ridiamo all'Alfa Romeo il palcoscenico che le spetta per la sua storia in Formula Uno. E restituiamo alla F1 un marchio che ha scritto un pezzo importante della storia della Formula Uno stessa”. Con queste parole, non senza un pizzico di commozione, Marchionne ha introdotto la grande giornata che segna il ritorno dell'Alfa Romeo in Formula Uno.

Parlando di piloti, Marchionne ha fugato quasi subito ogni dubbio. I piloti della Alfa Romeo Sauber F1 saranno Charles Leclerc e Markus Ericcson, ovvero lo svedese che già nel 2017 ha guidato la Sauber nel mondiale F1.
Giovinazzi non è riuscito a vincere la concorrenza del pilota svedese, che è legato a triplo filo ai padroni del team elvetico, in quanto è stato proprio Ericsson a guidare la cordata di finanziatori che lo scorso anno avevano rilevato la proprietà della squadra svizzera dal fondatore Peter Sauber. Giovinazzi resterà in panchina: sarà il terzo pilota della squadra e sosterrà sei giornate di prove libere in occasione di altrettanti Gran Premi F1. Più o meno quello che ha fatto quest'anno. Poi nel 2019 si vedrà.

Quanto al colore, smentito chi pensava di vedere una monoposto tutta rossa, anche se rosso scuro come tipico Alfa: la Alfa Sauber F1 è completamente bianca dal muso all'abitacolo; mentre dal cupolone alla coda diventa rosso Alfa con il logo del biscione stilizzato bianco.
La monoposto inoltre non presenterà il classico quadrifoglio verde sulla carrozzeria, una curiosa ambiguità che Marchionne ha spiegato così: “Alfa è anche sponsor della Ferrari e il logo del quadrifoglio vale una bella cifra di sponsorizzazione: Maranello non vuole rinunciare a quei soldi”.

La macchina nella presentazione inoltre non era la vettura che correrà nel 2018, ma soltanto un manichino, una vecchia Sauber del 2008 verniciata con la livrea bianca e rossa che dovrebbe essere propria della nuova vettura e questo fatto non fa che avvalorare la tesi di chi afferma che in realtà non si tratti di un vero ritorno in F1 e che in realtà il rientro tanto acclamato riguardi soltanto i due adesivi che saranno posizionati sulla carrozzeria della macchina.
Ed infatti non si capisce bene dove sia questo ritorno visto che la nuova vettura non monterà almeno per ora motori Alfa Romeo, ma il solito vecchio motore Ferrari in configurazione 2018, neanche marchiati Alfa Romeo, poiché il cavallino non ha voluto rinunciare al suo nome sui motori. Inoltre, a quanto si apprende dalle dichiarazioni dello stesso Marchionne, "non ci sarà distinzione a meno che in qualche occasione non decidiamo di prenderci dei rischi di performance con un motore evoluto per Ferrari: in quel caso per non mettere a rischio la prestazione Alfa-Sauber le lasceremo il motore più collaudato" il che tradotto in un linguaggio più comprensibile, alla Alfa-Sauber non verranno forniti gli upgrade e le evoluzioni successive.
Detto questo, gli appassionati del marchio, continuano a non comprendere cosa c'entri l'Alfa Romeo in tutta questa operazione visto che il suo apporto si limita davvero ai due adesivi messi sulla carrozzeria.

Presentazione Ufficiale


Prime impressioni


La storia dell'Alfa Romeo in Formula Uno





Aggiungi commento
Il contributo verrà inserito solo dopo l'approvazione dello staff del club, a suo insindacabile giudizio.

Id
Nome
Testo



   































05/12/2017

L'alfa Romeo ritorna in F1; bufala o realtà? - Presentata la nuova Alfa-Sauber 2018, anzi no era solo un vecchio modello del 2008!!
"Una gran figata”. Marchionne non ha avuto peli sulla lingua per spiegare con un'espressione gergale e colorita come sentisse il ritorno dell'Alfa Romeo alle corse. Poi ha proseguito in modo più solenne: “Oggi ridiamo all'Alfa Romeo il palcoscenico che le spetta per la sua storia in Formula Uno. E restituiamo alla F1 un marchio che ha scritto un pezzo importante della storia della Formula Uno stessa”.
Leggi articolo

10/05/2015

Secondo Reid Bigland, Amministratore Delegato Alfa Romeo US, la nuova berlina del Biscione non si chiamerà Giulia. Ancora segreto il suo nome. Di certo però si sa che avrà prestazioni migliori di BMW e Mercedes.

23/10/2013

Abbiamo inserito nuovi video di presentazione relativi alla nuova Alfa Romeo 4C, con i quali è possibile conoscere meglio la nuova vettura sportiva del Biscione. Telaio in fibra di carbonio del peso di 70kg circa e motore 1750 turbo, da 0 a 100km/h in poco più di 4 secondi. Una presentazione da non perdere!

28/06/2011

Abbiamo implementato la possibilità di inserire commenti ai vari articoli via via pubblicati.
I commenti verranno però messi online solo dopo l'approvazione dello staff del club, che deciderà a suo insindacabile giudizio.

27/10/2010

Drastico taglio ai listini dell’Alfa Romeo 159 in Germania: la media milanese vedrà scendere i suoi prezzi -fino a fine 2010- di cifre che su alcune motorizzazioni sfiorano i 5000 euro. I tagli riguardano sia la berlina che la Sportwagon. Il 1.8 TBi da 200 CV viene così proposto a soli 24.990 euro sulla prima variante di carrozzeria e a 26.340 euro sulla seconda. Si tratta di ribassi pari a ben 4710 euro...

                  

Amministrazione